Come togliere il silicone dal vetro del box doccia

Come togliere il silicone dal vetro del box doccia

Durante i lavori di ristrutturazione, o di piccole riparazioni casalinghe, può accadere che residui di silicone rimangano su porcellana, piastrelle, vetro o legno. In particolar modo questo problema si verifica quando ripariamo qualcosa in cucina o montiamo sanitari, doccia o vasca nelle stanze da bagno.

Ci sono alcuni efficaci e veloci metodi per eliminare il silicone in esubero. Questo problema si presenta, in modo particolare, quando si deve rimuovere il silicone dal box doccia. Questo potentissimo adesivo può essere eliminato non solo con prodotti chimici specifici, ma anche con metodi molto semplici, e senza spendere denaro.

Approfondiamo l’argomento di seguito, con informazioni prese da professionisti del settore idraulico, tra cui l’idraulico a Bologna reperibile su questo sito web.

Come rimuovere il silicone e i residui freschi dal vetro del box doccia

La situazione più semplice che si possa presentare è il dover rimuovere del prodotto ancora fresco. In questo caso basta agire tempestivamente utilizzando un panno di stoffa pulito e asciutto, senza bisogno di alcun detergente. Basta passare lo straccio sulla superficie da pulire e si eliminerà senza problemi ogni traccia di sporco.

Se il materiale da togliere è abbondante, eliminare prima una parte di silicone con l’ausilio di una spatola. Quando si interviene con la spatola, occorre avere l’accortezza di non espandere la macchia di prodotto ma semplicemente cercare di raccoglierlo. A questo punto si può passare il panno preposto e la parte macchiata tornerà pulita.

Come rimuovere il silicone e i residui secchi dal vetro del box doccia

Rimuovere il silicone ormai indurito (e magari secco da anni) dal vetro del box doccia, è un’operazione che può capitare di dover fare con una certa frequenza, quindi è bene imparare alcuni accorgimenti che trasformeranno questa operazione in qualcosa di semplice e sicuro. Per prima cosa, detergere la zona di interesse in modo non aggressivo per la pulizia del bagno.

Questa operazione non può essere saltata. Vanno cancellate tutte le tracce di sporco, grasso o eventuale muffa. Con un taglierino testare la condizione del silicone effettuando dei piccoli tagli. Se la consistenza è gommosa, significa che il silicone è ancora presente, se invece la parte risulta secca, è possibile procedere alla rimozione direttamente con la spatola. Nel caso in cui il silicone sia ancora elastico bisogna ammorbidire il materiale con dell’acqua.

Se non è sufficiente, è possibile ammorbidirlo usando una fonte di calore.
Per questo scopo è possibile usare un phon per capelli o una pistola termica. Il flusso di calore ammorbidirà la parte da trattare. Ora sarà semplice procedere alla rimozione del silicone usando un raschietto. Questa operazione è praticamente a costo zero.

Un altro modo -che richiede più tempo- consiste nel preparare una soluzione con acqua e sgrassatore per il forno. Dopo aver spruzzato questo preparato sulla parte interessata della doccia, aspettare un paio di giorni, e in fine rimuovere con il taglierino i residui. Dopo aver compiuto una di queste operazioni pulire le fughe e le fessure con un’aspirapolvere e lasciare agire un antimuffa sulla zona ripulita.

Come si toglie il silicone con detergenti preposti

Per pulire il vetro del box doccia in modo ancora più veloce e performante, in particolare se il silicone è stato applicato usando questi consigli, si può ricorrere a detergenti chimici e prodotti appositi in grado di eliminare anche le gomme siliconiche più resistenti. Facilmente reperibili in commercio hanno grandi vantaggi. Funzionano in pochi minuti. Non sollecitano né danneggiano le superfici. Sono delicati su vetro, ceramica, legno, metallo e metacrilato.

Sono semplici da usare anche per chi è poco esperto e non contengono agenti in grado di danneggiare i materiali che si trovano nei bagni. Lasciano le superfici pulite e brillanti. Se si teme di non saper gestire il calore del phone o di una pistola termica, in prossimità del vesto della doccia, si può considerare come ottima alternativa.

Durante l’operazione di pulizia è sempre bene riparare le mani, soprattutto in presenza di solventi chimici. E’ altamente consigliabile quindi indossare un paio di guanti in lattice piuttosto spessi, in modo da evitare lesioni da contatto.

Per chi desiderasse utilizzare questo tipo di soluzione, è necessario seguire le istruzioni riportate sulla scatola, e attendere il tempo di posa indicato. Concludere il lavoro ripulendo il vetro, le fughe e le fessure con un panno imbevuto di acqua ragia, o alcool. In alternativa procedere utilizzando una spugnetta abrasiva antigraffio, per eliminare ogni residuo di silicone.