I Vantaggi delle mascherine antiallergiche

I Vantaggi delle mascherine antiallergiche

Anche se è diventato l’accessorio più utilizzato per necessità, non per scelta, si scopre che l’umile mascherina può essere in grado di fare ancora di più che proteggerci da COVID-19 e altre malattie respiratorie. La mascherina antiallergica può essere in grado di aiutare a mitigare gli effetti delle allergie stagionali.

Le mascherine anti COVID-19 possono anche rivelarsi un ottimo modo per filtrare le sostanze come il polline degli alberi e di tutte quelle piante che causano allergie stagionali. Quando queste sostanze entrano nel corpo attraverso il naso o la bocca, possono indurre il sistema immunitario del corpo a tentare di liberarsi di queste particelle con tosse, starnuti o altre reazioni allergiche. Ma quando si indossa una mascherina, questa agisce come un “muro” bloccando le particelle che cercano di entrare nel corpo e provocare allergie.

Scegliere una mascherina per il viso

Che si preferisca indossare mascherine chirurgiche o utilizzare quelle in stoffa, in entrambi i casi, si otterranno dei benefici dal momento che tutte le mascherine sono utili quando si tratta di allergie stagionali. Questo è ciò che affermano i più importanti allergologi parlando di allergia e asma. Eppure, non tutte le mascherine sono create allo stesso modo. I migliori tipi di mascherine sono quelli che si adattano perfettamente alla bocca e al naso per creare uno scudo, bloccando l’ingresso di qualsiasi particella estranea. Le mascherine N95 Maskhaze sono note per essere le più efficaci, a causa dei loro strati multipli di fibre di polipropilene che catturano e impediscono a qualsiasi particella esterna di essere respirata attraverso il naso o la bocca. Le mascherine chirurgiche sono l’esempio perfetto, dicono gli esperti.

Se stai usando una mascherina di tessuto, come molti fanno quotidianamente, dovresti fare attenzione e verificare che abbia due strati di tessuto piuttosto che uno. Un singolo strato è probabile che lasci entrare più particelle di una mascherina composta da pezzi separati di tessuto o da carta filtro. E, se possibile, opta per una mascherina con gli elastici dell’orecchio regolabili per assicurarti di ottenere la vestibilità più aderente intorno al viso.

È anche importante lavare la mascherina frequentemente, idealmente ogni giorno. Le mascherine di tipo medico non possono essere lavate, ma dovrebbero essere cambiate frequentemente per lo stesso motivo. Quando non viene lavata correttamente il polline può accumularsi sulle mascherine di stoffa. Quando la mascherina viene portata al naso e alla bocca, quell’accumulo di polline può essere facilmente respirato e provocare allergie più gravi.

Alleviare i sintomi

E non dimenticate: Ci sono molti modi per lavorare con il tuo allergologo certificato per elaborare un piano efficace per combattere le allergie stagionali, indossare una mascherina non è necessariamente la soluzione più efficace. Quando si tratta di allergie stagionali, alcuni soffrono di asma o di sintomi respiratori, altri di sintomi agli occhi, al naso e alla pelle. È meglio prendere farmaci preventivi all’inizio della stagione e regolarmente. Inoltre, tenere le finestre chiuse durante i picchi di polline, in particolare la mattina presto, nei giorni di vento, o se qualcuno sta tagliando il prato fuori. Si dovrebbe anche cambiare i vestiti quando si arriva a casa, poi fare una doccia per evitare di portare il polline addosso.

Se si verificano i sintomi, bisogna provare i rimedi da banco come spray nasale e antistaminici orali. Il risciacquo del setto nasale può anche lavare via gli allergeni e rimuovere qualsiasi polline, polvere o detriti.

Polline esterno

Le reazioni si verificano quando il sistema immunitario identifica erroneamente gli allergeni come il polline come una minaccia e monta una risposta immunitaria. Questo può causare starnuti, congestione nasale, naso che cola e prurito agli occhi.

Il polline è trasportato dall’aria e può essere inalato. Ma gli esperti di allergie hanno notato che da quando la mascherina è diventata un accessorio di uso quotidiano, molte persone hanno riscontrato cambiamenti ai loro sintomi allergici legati al polline.

C’è stata una diminuzione della gravità dei sintomi con l’uso della mascherina

Da uno studio lo scorso autunno è stato riscontrato che gli infermieri che indossavano mascherine durante COVID-19 hanno riportato meno sintomi di rinite allergica.

Gli autori dello studio riferiscono che sia le mascherine chirurgiche standard che i respiratori N95 possono filtrare gli allergeni trasportati dall’aria.

Una mascherina chirurgica standard può filtrare particelle più grandi di 3 micrometri, mentre una mascherina N95 può filtrare particelle più piccole di 0,04 micrometri. Il polline è tipicamente tra i 10 e i 100 micrometri di dimensione. Le spore dei funghi sono di solito tra 2 e 50 micrometri, e le feci degli acari della polvere di casa sono tra 10 e 40 micrometri.

Indossare una mascherina potrebbe filtrare tutti questi allergeni.

Le mascherine che hanno alti livelli di filtrazione che possono catturare le piccole particelle come il polline e possono aiutare a prevenire l’inalazione di polline. Devi solo assicurarti che la tua mascherina sia pulita.

Protocollo corretto di utilizzo della mascherina

La cura corretta delle mascherine è importante non solo per evitare la trasmissione di COVID-19, ma anche per evitare gli allergeni, soprattutto per le persone con allergie.

Quando le persone riutilizzano le loro mascherine senza lavarle, il polline può effettivamente accumularsi sulla mascherina, e se stai mettendo quella mascherina sul tuo viso, questo andrà a finire inevitabilmente sul tuo volto.

Se la parte esterna della mascherina raccoglie il polline e tu tocchi la parte esterna della mascherina e poi tocchi l’occhio o il naso, potresti avere una reazione allergica dal polline che si raccoglie sulla mascherina. Ecco perché è importante lavare frequentemente le nostre mascherine.

Il corretto utilizzo e la corretta rimozione della mascherina sono anche importanti per evitare virus e altre sostanze irritanti.

Il miglior modo di rimuovere una mascherina è di rimuoverla dal lato, in modo da non toccare realmente la parte anteriore della mascherina, così da limitarne il contatto. Quando la riutilizzi, sii consapevole che qualunque particella sia caduta sulla parte superiore della mascherina (che sia un virus o che sia un allergene) può aumentare l’esposizione, quindi non girare la mascherina perché potrebbero aumentare i rischi.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) dice che mentre le mascherine possono aggiungere una certa protezione supplementare contro le allergie stagionali, non dovrebbero essere usate come unica protezione contro l’esposizione al polline.

Il CDC consiglia alle persone, in particolare a quelle con allergie, di lavare le mascherine dopo ogni uso.