Offerte fibra ottica: come verificare la copertura?

Offerte fibra ottica: come verificare la copertura?

La fibra ottica è stata senza dubbio una grande innovazione nel mondo della connettività, avendo migliorato in modo considerevole le performance di navigazione. Alla luce di questo, non stupisce il fatto che oggi i privati e le aziende che intendono dotarsi di una connessione ad Internet si informino in maniera mirata circa la offerte fibra ottica dei vari operatori attivi sul mercato. Prima di acquistare il servizio, tuttavia, devono essere ben chiari alcuni aspetti: anzitutto non tutte le tipologie di fibra ottica sono uguali, inoltre affinché tale connettività sia fruibile è necessario scoprire se la zona in cui ci si trova gode di un’adeguata copertura.

Le diverse tipologie di offerte fibra ottica

Non esiste un unico tipo di fibra, come spiegato in un articolo di qualche giorno fa, di conseguenza è importante che il consumatore sappia distinguere le diverse tipologie di offerte fibra ottica. Tralasciando tipologie di fibra ottica piuttosto insolite o circoscritte a specifici casi, ovvero la fibra ottica dedicata, utilizzata prettamente da aziende che necessitano di performance eccellenti e che si dotano quindi di infrastrutture di proprietà, e la fibra FTTE, Fiber To The Exchange, in cui non avviene il canonico passaggio dall’armadio di distribuzione, possiamo distinguere due varianti: fibra ottica FTTC e FTTH. La fibra FTTC, ovvero Fiber To The Cabinet, prevede che i cavi in fibra raggiungano esclusivamente l’armadio di distribuzione, mentre da quest’ultimo all’abitazione del cliente la connettività è eseguita con i classici doppini, ovvero i cavi precedentemente utilizzati per la connettività di tipo ADSL. La fibra FTTH, acronimo di Fiber To The Home, è invece la fibra propriamente intesa, ovvero quella in cui i cavi in fibra riguardano sia la connettività con l’armadio di distribuzione che quella che collega l’armadio con l’abitazione dell’utente.

Non tutte le zone sono servite allo stesso modo

La possibilità di attivare un servizio di connessione ad Internet in fibra ottica, dunque, è subordinata alla presenza in zona di determinate infrastrutture tecniche, ecco perché verificare la copertura è un’operazione preliminare indispensabile per poter acquistare questo servizio. Ma come si può effettuare questa verifica? Le alternative sono due, scopriamole subito nel dettaglio.

Fare una ricerca nel sito web dell’operatore

Se si vuol scoprire se un determinato operatore è in grado di fornire un servizio di connessione in fibra ottica presso la propria abitazione, si può far riferimento al relativo sito Internet ufficiale. Praticamente tutti gli operatori consentono ai clienti di individuare con facilità questo genere di informazioni, ben consapevoli della loro importanza, di conseguenza prevedono nei loro siti web degli appositi motori di ricerca. L’utente non deve fare altro che specificare con precisione il proprio indirizzo, includendo anche il numero civico, per sapere se il proprio immobile può essere servito.

Utilizzare appositi motori di ricerca

L’alternativa che si può considerare se si vuol verificare la copertura di fibra ottica presso la propria abitazione o il proprio ufficio è quella di utilizzare degli specifici motori di ricerca gratuitamente fruibili online. Questi siti Internet forniscono un quadro generale, ovvero indicano singolarmente se i vari operatori attivi sul mercato possono offrire questo tipo di servizio. Utilizzare questi speciali motori di ricerca, dunque, può essere la soluzione ideale se non si è interessati all’offerta di uno specifico operatore, ma se si vuol sapere se il servizio è disponibile nella zona in questione e, eventualmente, quali sono le alternative a cui si può far riferimento.