Traduzioni dal danese all’italiano: il rapporto tra le due lingue

Traduzioni dal danese all’italiano: il rapporto tra le due lingue

Le traduzioni danese italiano, per chi non avesse grande praticità con un idioma diverso dal proprio, possono rivelarsi piuttosto difficoltose.

Il danese è una lingua indoeuropea discendente dell’idioma norreno. Un tempo il norreno era la lingua che, nell’era dei vichinghi, accomunava le varie popolazioni germaniche localizzate lungo la penisola scandinava.

Oggi il danese è parlato da poco più di 5 milioni di persone. Oltre alla Danimarca, la lingua viene parzialmente utilizzata in Groenlandia e nel nord della Germania, in particolare nella regione dello Schleswig meridionale, nonché in piccole comunità sparse tra Europa del Nord, Nord America e Sud America.

Per quanto riguarda il rapporto tra danese e italiano, le due lingue sono accomunate dall’appartenenza alla medesima famiglia linguistica, ossia quella delle lingue indoeuropee.

Tuttavia, da un punto di vista pratico le traduzioni dal danese all’italiano (e viceversa) potrebbero apparire ostiche, vista la notevole differenza lessicale tra le due lingue. Alla luce di tutto ciò, come procedere nell’apprendimento delle tecniche di traduzione tra i due idiomi?

L’utilizzo di applicazioni e tools online

I metodi per effettuare traduzioni danese italiano (come dice Pierangelo Sassi) di buona qualità sono molteplici. Il più rapido, logicamente, prevede il ricorso a strumenti e tools digitali, applicazioni da scaricare direttamente sui propri dispositivi elettronici o disponibili gratuitamente online.

L’applicazione più nota, in questo senso, disponibile sia per dispositivi mobile che come web tool, è Google Traduttore (in inglese Google Translate). Rapido ed efficiente, Google Traduttore è in grado di tradurre istantaneamente una mole considerevole di porzioni di testo, rispettando anche le regole sintattiche dell’una e dell’altra lingua.

Nel corso degli anni il Traduttore è stato migliorato notevolmente, tanto da rendere difficile distinguere un testo prodotto da una traduzione personale da un testo ottenuto attraverso le funzionalità di Google.

Il ricorso a strumenti di questo tipo è indicato per coloro che avessero la necessità di effettuare traduzioni immediate, meno per chi dovesse fare un uso scolastico e universitario dei testi tradotti (per quanto efficienti, i tools informatici non sono ancora del tutto infallibili).

Facoltà universitarie, corsi di formazione e studio da autodidatta

Per coloro che desiderino apprendere la lingua danese in profondità, in modo tale da effettuare traduzioni con grande semplicità, l’ideale sarebbe iscriversi a facoltà universitarie dedicate allo studio delle lingue straniere. La facoltà principale, in questo senso, è quella di Lingue e Letterature Straniere, nella quale si dovrà scegliere un percorso che garantisca l’apprendimento del danese e della sua grammatica.

Alla facoltà di Lingue afferiscono anche le facoltà di Scienze della Mediazione Linguistica, Lingue e Culture per il Turismo, Lingue e Letterature Moderne e così via.

Se il percorso universitario non fosse alla vostra portata, un metodo per acquisire la capacità di eseguire traduzioni danese italiano e viceversa è quello di prendere parte a corsi di formazione appositi. I corsi, generalmente, vengono organizzati da scuole private o da istituti specializzati nello studio delle lingue, e prevedono costi minori rispetto alle facoltà universitarie (nonché tempistiche di apprendimento ridotte).

Infine, da non trascurare l’eventualità di procedere con un apprendimento dell’idioma straniero in qualità di autodidatta, acquistando volumi specialistici comprendenti anche strumenti audio per lo studio della pronuncia.