Erba light: quali sono le proprietà

Erba light: quali sono le proprietà

La cannabis light, a differenza di come spesso erroneamente si pensa, non corrisponde proprio alla marijuana che viene introdotta nei farmaci. Quella viene esclusivamente venduta sotto il controllo del medico curante, che la deve obbligatoriamente prescrivere. Questa tipologia di cannabis è sicuramente più leggera ed è considerata legale poiché anche in chi non soffre di alcun malumore psicofisico, apporta molteplici vantaggi. In Italia, ma come nel reso del mondo, da poco è stata resa legale la vendita di questa cannabis light rispettando la Legge 242 del 2016. A tal proposito, se sei alla ricerca di qualche sito online dove si vende cannabis light legalmente e senza truffe, dai uno sguardo allo shop di erba light raskal.shop.

Cannabis light: cos’è realmente e perché è legalizzata

La cannabis light, in generale vine prodotta dagli estratti dei semi di cannabis che sono stati selezionati proprio per rispettare la legislazione che vige in ogni Paese. Ricordiamo che comunque ci sono ancora dei paesi in cui il consumo di cannabis non è legale, quindi è bene informarsi prima di acquistarla. Dai semi, si ottengono le piantine di cannabis che non hanno un elevato tasso di THC, al contrario dei valori di CBD. Non a caso, il tasso si aggira entro lo 0.5%, ma solitamente si trovano tutte al di sotto dello 0.2%. Questo dal punto di vista della sostanza, mentre, da quello estetico, non vi è alcuna differenza, infatti se i semi vengono essiccati come si deve, non solo sono identici, ma presentano anche lo stesso odore. Tuttavia, siccome il tasso di THC è minore, le proprietà non sono proprio le stesse, ma di benefici ce ne sono e come…

Gli effetti della Cannabis light

Ci sono sia pro che contro all’utilizzo della cannabis, non solo dal punto di vista ideologico, bensì anche dal punto di cista delle proprietà. Bassi valori di THC rendono la sostanza psicotropa della marijuana assolutamente innocua alla nostra psiche e al contempo alti valori di CBD, cannabinolo, garantiscono tutti i benefici che andremo ad elencare. Da sottolineare che il CBD non è psicotropo.

Le proprietà benefiche che può avere la cannabis light, se consumata nelle giuste porzioni e soprattutto nel modo corretto, sono le seguenti: prima di tutto è antidolorifica e antidepressiva, seppur consumata i quantità minime; rilassante e anticonvulsionante, l’ideale per quando si è sotto stress psicologico, magari si sta affrontando un periodo importante della propria vita; antiossidante e antinfiammatorie. Insomma, queste sono solo alcune delle ragioni per qui questa tipologia selezionata di Cannabis light è stata resa legale. In coloro che soffrono magari di insonnia o hanno comunque difficoltà a rilassarsi, la cannabis può dare davvero una spinta per iniziare a godersi la vita e a risposarsi correttamente, così da avere tutte le energie necessarie per affrontare la giornata! La cosa che ha reso poi così diffusa la cannabis light è senza dubbio il fatto che non crea dipendenza e potrai smettere quando non ne avrai più bisogno.

Altri casi in cui può aiutare il suo consumo, possono essere in quei soggetti che hanno convulsioni o spasmi muscolari, infiammazioni, acne e molto altro ancora. Talvolta anche chi è bulimico o anoressico, può utilizzare questa sostanza per stimolare l’appetito o al contrario placare il senso di nausea che accompagna purtroppo i disturbi appena citati. L’altro lato della medaglia però prevede anche dei contro all’utilizzo della cannabis light, seppur legale. Innanzitutto, come del resto tutte le cose, se abusata fa male, non solo al fisico ma anche alla mente, dunque è bene consumarla responsabilmente. Si consiglia di non bruciare a canapa, specialmente in soggetti con problemi alle vie respiratorie e ai polmoni. Inoltre quando si stanno prendendo anche altri farmaci, potrebbe contrastare il loro effetto dunque è bene informarsi dal proprio medico. L’ideale, sarebbe comunque quella di consumarla sotto forma di tisana o negli alimenti.