Come pagare con NFC Android su qualsiasi POS

Come pagare con NFC Android su qualsiasi POS

Interessarsi su come pagare con NFC Android è molto importante per poter sostituire il portafoglio fisico, con uno smartphone che abbia le capacità di poter effettuare qualsiasi transazione in un punto vendita, come se avessimo una vera e propria carta di credito o pagamento digitale.

La tecnologia il cui significato letterario sta per Near Field Communication, consente di poter pagare con il proprio cellulare, a patto che abbia il chip dedicato, nonché il sistema appunto, NFC. Quest’ultimo è presente negli smartphone top di gamma Android, nella maggior parte dei modelli, Samsung, Huawei, Xiaomi e via dicendo.

Ormai sempre più di moda in Paesi come la Cina che durante il Coronavirus hanno avuto modo di sperimentare al meglio le tecnologie di pagamento senza contanti, il futuro che probabilmente si prospetta anche in Italia con l’espansione dei pagamenti elettronici.

Come pagare con NFC Android: quali app usare

Pagare con NFC su Android non è complesso. Basterà aprire il menù a tendina del proprio smartphone o cercare tra le impostazioni, la voce “NFC”. Una volta selezionata (sempre che il cellulare ne sia dotato), andrà scelta l’app che consentirà l’esecuzione della transazione.

Il team degli esperti di Supercellulari, è stato in grado di elencare quelle applicazioni che attualmente consentono il trasferimento di denaro digitale sul sistema operativo di Google, Android:

  • Google Pay;
  • YAP;
  • Samsung Pay;
  • Paypal Mobile Cash (sviluppata per funzionare sia su Android che iOS);
  • Postepay (con il suo nuovo sistema di ewallet);
  • Huawei Pay (molto simile a quella del colosso sud coreano).

Affinché il pagamento avvenga correttamente, sarà necessario avvicinare lo smartphone al POS (ricordandosi di attivare la tecnologia NFC) e attendere che il lettore legga correttamente il sistema del device mobile.

Come tutelare il proprio conto con la tecnologia NFC

Seppur il pagamento NFC comporta numerosi vantaggi, allo stesso tempo va fatta una doverosa premessa, è indispensabile tutelarsi, dal momento in cui si tratta di un metodo di pagamento contactless. Per evitare di violare la propria privacy e conto corrente, si dovrà impostare un codice autenticativo o password tramite G Pay, YAP o qualsiasi APP si utilizzi.

Un po’ come già funzionano le altre carte prepagate e similari, anche la tecnologia NFC permette l’utilizzo e il pagamento fino ad un importo pari e massimo di 25senza PIN o codice di autenticazione. Per accelerare il processo di riconoscimento, c’è la possibilità di usufruire del senso biometrico.

Potete stare tranquilli per questo pagamento elettronico, tutte le applicazioni che forniscono questo servizio hanno messo a disposizione dei sistemi di sicurezza quasi infallibili, i pochi casi successi ad oggi sono casi di intromissione di sistemi informatici a livello collettivo e non a livello personale.

Qual è la miglior app di pagamento NFC

In realtà è difficile dire quale sia la miglior app di pagamento NFC, perché va considerato che tutti questi software tecnicamente, lavorano quasi allo stesso modo, se non perché sono sviluppati da istituti bancari differenti tra di loro.

Se dovessimo comunicare quella che si differenzia tra tutte, allora dovremmo portare come esempio Samsung Pay. Perché è l’unica che ad oggi, utilizza una tecnologia più avanzata, Magnetic secure transmission il cui acronimo sta per MST.

Ciò consentirà di effettuare il pagamento digitale tramite smartphone, anche qualora il POS non avesse il sistema NFC.