Come radere il pube in 10 step

Come radere il pube in 10 step

Sono sicuro che quando sentire la parola “depilare il pube” una nube si materializza nella tua mente ed il tuo volto si offusca in maniera immediata. La paura direi che è più che giustificata, non tutti infatti sopportano l’idea di vedere un regolacapelli o regolabarba con una lama rotante che va a radere delle zone del corpo così delicate e sensibili.

Ma come vedrai adesso non bisogna affrettarsi ed avventarsi sul pube come se fosse un fastidio da rimuovere velocemente e senza pensarci tanto, vedrai che sarà utile mantenere la calma e la lucidità nel radere delle zone così esposte.

Passaggi per depilare il pube

1. Accorciare i peli con una regolabarba

Utilizza un regolabarba o regolatore dei capelli, accorciandoli ad una lunghezza inferiore ai 4 cm, questo per facilitare gli altri passaggi finali della depilazione pubica ma allo stesso tempo per evitare che il rasoio s’intralci tra i peli. Se utilizzi un clipper assicurati di posizionarlo nella misura che va tra lo 0 (a pelle) e la numero 1. In questo modo la lama non sarà esageratamente esposta con la superficie delicata del pube.

2. Presta attenzione alle parti più esposte

Se non hai un regolacapelli o un kit multi-grooming per il corpo potrebbe andare bene una forbicina professionale, sebbene sia sempre preferibile la soluzione elettrica, dato che tirerà meno il pelo, e il risultato sarà più confortevole. Il mio consiglio è di radere solamente l’area del pube e di circumnavigare quella in prossimità dello scroto, in quanto risulta essere davvero sottile e le possibilità che la macchinetta si ingrippi è elevata.

3. Non utilizzare epilatori chimici

Come abbiamo visto, la zona scrotale risulta essere davvero gracile ed affinata, dunque ti dissuado dall’idea di utilizzare dei prodotti chimici per la depilazione come gli epilatori, che vanno a rendere maggiormente sensibilizzata quella parte intima già di per sè soggetta. Se proprio non puoi farne a meno, fai da check test precedentemente su zone come il braccio o il gomito, in modo da poter procedere in tutta tranquillità.

4. La posizione da assumere per radersi

E’ importante anche la posizione con la quale andrai a depilarti, oltre a che prendere tutto il tempo e la riservatezza che un gesto come questo comporta. Accertati di rimanere in una stanza isolata e che nessuna persona esterna si intrometta, dato che è un’azione davvero intima e personale. Le posizioni da assumere per radersi agevolmente sono: stando seduto in un bagno caldo, applicando dell’acqua calda in modo da ammorbidire i peli e facilitare la rasatura di zone delicate come i genitali, seduto sul pavimento, mettendo qualcosa sotto. Potrai inoltre radere dalla tazza del WC e, mettendo al di sotto un cestino della spazzatura dovrai poi ramazzare meno peli. Puoi infine anche farlo in piedi, mentre ti lavi sotto la doccia, anche se in questo caso i movimenti da compiere sono diversi e più difficili da comandare.

5. Una schiuma appositamente ideata

E’ importante applicare una schiuma per pelli sensibili e delicata in modo da ammorbidire e facilitare la rimozione del pelo tramite la depilazione. Inoltre non scegliere prodotti con forti profumazioni o contenenti grandi quantità di alcol, mentre sono da preferire prodotti contenenti sostanze anti-batteriche ed anti-micotiche. Scegli gel trasparenti che ti permettono una buona visuale sull’area da depilare. 

Leggi nel plico delle istruzione, perché molti rasoi elettrici prediligono superfici ben asciutte piuttosto che altre bagnate ed inumidite, puoi cercare dei rasoi elettrici in questa guida comoda e pratica.

6. Movimenti leggeri e ravvicinati

Il segreto quando si parla di depilazione del pube, specialmente in quella maschile è di rendere i movimenti leggeri e vicini tra di loro, in modo da applicare la minor trazione possibile sul pelo e tirare il meno possibile.

Se invece vuoi prevenire il rischio di taglietti o ferite accidentali occorrerà esercitare sulla cute una quantità di pressione inferiore, così da non sollecitare troppo la pelle distesa.

7. Radi la zona dell’ombelico prima

La prima zona da radere è quella in prossimità dell’ombelico, dove si annida la maggiore quantità di peli. Sarà necessario spostare il pene per agevolare il lavoro del rasoio elettrico, la rasatura ne beneficierà in maniera completa. Ricordati di radere verso il basso, solitamente questo è il verso da seguire.

In questo modo sarà più facile raggiungere e radere anche le parti più interne, sprecando meno tempo ed ottimizzando anche tutto il procedimento. 

8. Assicurati di stendere la pelle

Per garantire una miglior manovrabilità del rasoio dovrai stendere in maniera ottimale la pelle da radere, in questo modo il rasoio scorrerà meglio e dovresti seguire dei movimenti cauti dall’area laterale fino a quella centrale.

E subito dopo aver steso ottimamente la pelle, risciacqua più volte il rasoio, in modo da avere una definizione pulita ed impedire che nel rasoio restano catturati troppi peli ed eventualmente il rischio che si arrugginisca conservandolo.

9. Tampona con un asciugamano

Dato l’effetto aggressivo e veemente della lametta o del rasoio elettrico potrebbe essere favorevole, per raggiungere un effetto della cute morbido e liscio, senza provarla troppo.

Applica pochissima intensità in questo gesto o andrai a causare nei giorni seguenti foruncoli, bollicine ed eventuali pus dovuti dalla depilazione poco attenta.

Metti del semplice borotalco se vuoi impedire che nei prossimi giorni tu ti ritrovi con tantissime bolle!

10. Mantieni quella zona esfoliata

Le donne saranno maestre in questo: esfoliazione della pelle, rimozioni di cellule morte e manutenzione della stessa applicando giornalmente delle creme dall’alto potere idratante.

Se non mantieni la cute idratata compariranno peli incarniti, ed i peli non si regoleranno nella loro funzione di crescita, seguendo versi strani, incontrollabili in alcun modo.