I migliori sistemi audio multiroom per la casa

I migliori sistemi audio multiroom per la casa

L’idea del multiroom è quella di trasmettere musica in diverse stanze di una casa dalla stessa fonte. Non si tratta di una novità, la filodiffusione audio è in circolazione da molto tempo. Oggi l’installazione è un gioco da ragazzi e i produttori hanno un sacco di soluzioni.

Si tratta di casse amplificate che si collegano in modo wireless ad internet e sono gestite tramite app da smartphone.

Ad esempio, Philips, con la gamma Izzy , gli altoparlanti generano una propria rete Wi-Fi indipendente dalla rete domestica. Il primo altoparlante si collega tramite Bluetooth al dispositivo e tutti gli altri si uniscono alla rete generata dal primo in un batter d’occhio. Questa opzione garantisce un’elevata stabilità della rete, oltre a un’installazione semplificata.

Quando si utilizza la rete Wi-Fi domestica, come nel caso di Sonos, i codec ora collegano automaticamente in rete gli altoparlanti. Affidarsi al Wi-Fi domestico consente una maggiore flessibilità nel controllo delle playlist memorizzate o disponibili sui vari servizi di musica online come Spotify. Consente inoltre di eseguire lo streaming di file audio in alta risoluzione o più playlist contemporaneamente in più stanze diverse

Le innegabili qualità della soluzione multiroom sono al servizio della musica e di uno dei suoi aspetti in particolare: la libertà di ascolto.Nella stessa sistemazione, se sono disponibili più sale, puoi scegliere di riprodurre gli stessi titoli su tutti gli altoparlanti contemporaneamente per un effetto mozzafiato. Ciò ti consentirà di goderti la tua stazione radio preferita al mattino al tavolo della colazione o in bagno senza dover portare la tua piccola radio ovunque.

Ma se siete in tanti a vivere sotto lo stesso tetto, ognuno trarrà beneficio dal suo titolo diffuso in ciascuna stanza. Se uno ascolta rock in salotto, l’altro può godersi un concerto di musica classica in cucina, mentre un terzo salterà al ritmo dell’ultima traccia di Beyoncé in una camera da letto. Infine, sarai in grado di ampliare la rete e posizionare gradualmente altri oratori in altre sale: i sistemi di ogni marchio rimangono compatibili nel tempo e danno il benvenuto a nuovi prodotti. Ogni installazione è quindi perfettamente scalabile.

Bose offre il sistema SoundTouch , un nuovo altoparlante wireless che vuole essere perfettamente completo . Integrato nella gamma SoundTouch, può quindi essere integrato nella multiroom del marchio americano che abbiamo già testato e la cui configurazione ti abbiamo presentato in video . Come gli altri diffusori della gamma, Bose SoundTouch 10 può essere configurato utilizzando l’applicazione Bose SoundTouch dedicata . Ammetto che ho dovuto provarlo 3 volte per riuscire a connettere SoundTouch 10, ma alla fine è stato riconosciuto dall’applicazione. L’utente è guidato in tutta la configurazione e l’installazione rimane semplice anche se continuo a trovare quello di Sonos ancora più ovvio.

Un punto di differenziazione dai sistemi multiroom concorrenti, Bose ha già offerto un pannello di controllo situato sull’altoparlante e offre 6 preset. Servizio musicale, radio Internet o altra libreria musicale, i tuoi 6 preset sono accessibili ed è esclusivo del produttore, senza dover utilizzare lo smartphone o il tablet una volta configurato il set. Un vero comfort di utilizzo.

Ma Bose SoundTouch 10 è ancora più diverso dalle sue sorelle maggiori poiché porta la connessione Bluetooth. Questa connettività è sicuramente meno qualitativa del wifi ma più veloce da implementare e più universale, poiché questa connettività è ora ovunque, sui nostri computer, smartphone, tablet, lettori mp3 , ecc.

Abbiamo nominato Philips e Bose, ma anche Sonos va menzionato tra i migliori produttori di sistemi audio multiroom. La casa americana è stata una dei primi ad attivare in questo settore e propone i prori altoparlanti wireless in vari tagli e potenza, a seconda del budget a disposizione e della grandezza degli ambienti dove andranno installati.