La muratura armata come metodo di costruzio

La muratura armata come metodo di costruzio

La muratura armata è un metodo di costruzione caratterizzato da elevata resistenza e leggerezza. In queste strutture, solitamente, vengono utilizzati blocchi di laterizio semipieni, dotati di conformazione geometrica e di barre di armature verticali ed orizzontali, che verranno poi inserite al loro interno insieme ad un cilindro, riempito con malta o cemento. Questa armatura metallica consente alla struttura di guadagnare maggiore resistenza a trazione e di aumentare la sua flessibilità.

Questa tecnica costruttiva da anni costituisce una valida alternativa alle costruzioni in calcestruzzo armato, una soluzione formata da acqua, sabbia, cemento ed elementi lapidei, rinforzata da un’armatura metallica che, venendo ricoperta, dona alla struttura maggiore resistenza.
La combinazione di calcestruzzo ed acciaio consente di migliorare la prestazione del prodotto nel settore edile accompagnando alla sua già performante resistenza alla compressione a quella della trazione, tipica appunto di prodotti come l’acciaio.
Rispetto alla muratura armata però ci sono ancora alcune criticità da risolvere.
Acciaio e Calcestruzzo infatti, se non adeguatamente protetti, possono avere problemi di resistenza nel tempo, dovuti ad esempio ad ossidazioni, carbonatazione o risentire delle variazioni di temperatura (soprattutto del gelo).

La normativa italiana

La muratura armata è un sistema di costruzione sperimentato negli anni 80 del novecento, riconosciuto ufficialmente nel 1984 come sistema costruttivo nelle Norme Tecniche per le costruzioni in zone sismiche, disciplinato però solo nel 1996.
E’ possibile trovare un primo riferimento normativo, infatti, solo all’interno del D.M. 16/01/1996, poi modificato con il D.M. 17.01.2018. Questo individuava alcune prescrizioni riguardanti materiali e strutture da rispettare quando la muratura armata veniva utilizzata per costruire in zone altamente sismiche.
Non solo requisiti geometrici e strutturali ma anche criteri progettuali come l’altezza massima che gli edifici dovevano rispettare in relazione ai materiali utilizzati durante la costruzione e alla larghezza della strada, utile a garantire una corretta progettazione strutturale in relazione al suo comportamento sismico.

La muratura armata: i vantaggi

Le strutture di muratura armata sono particolarmente indicate nelle zone altamente sismiche ma hanno anche altri numerosi vantaggi.
Dal punto di vista strutturale, la maggiore resistenza e flessibilità consentono di mantenere pareti snelle, senza dover aumentare lo spessore dei muri in relazione all’altezza del fabbricato; il mancato obbligo di garantire il metro d’angolo agli incroci delle pareti permette di risparmiare spazio.
Non essendo, inoltre, necessario rispettare obblighi relativi a limiti massimi tra l’interasse dei muri è possibile scegliere la forma e la distribuzione planimetrica che più si preferisce.
La facilità di progettazione e costruzione, unita a tempi di realizzazione ridotti consente di avere un risparmio economico importante; per realizzare opere in muratura armata infatti è possibile utilizzare gli strumenti tipici dei piccoli cantieri, non sono necessari operai specializzati e sono regolate da norme meno restrittive rispetto alle costruzioni di muratura ordinaria.
Un altro vantaggio, non meno importante, è quello relativo alla sicurezza degli edifici realizzati in muratura armata che, essendo strutture resistenti, flessibili e leggere, sono perfette anche per essere realizzati in zone altamente sismiche.
Occorre ricordare, infatti, che uno degli eventi che portò alla sperimentazione di questo muovo materiale fu proprio il terremoto che colpì Messina nel 1900.

La muratura armata oggi

Nel corso degli anni, come accade per qualsiasi altro settore, anche nell’edilizia sono continuate le ricerche e le sperimentazioni, utili soprattutto a trovare prodotti sempre migliori e dalle prestazioni elevate.
Tra le soluzioni presenti nel mercato, un buon esempio è Muratura Armata 2.0 di T2D, un prodotto progettato per resistere in zone ad elevato rischio sismico, caratterizzato da eccellenza resistenza meccanica ed elevatissimo isolamento termico. I laterizi presentano una particolare geometria ed un riempimento in grafite che permette di eliminare ponti termici e aumentare le prestazioni energetiche degli edifici realizzati.