Frappè come in gelateria: ecco tutti i segreti per realizzarlo al meglio

Frappè come in gelateria: ecco tutti i segreti per realizzarlo al meglio

Desideri riprodurre il frappè come in gelateria anche a casa tua o nella tua piccola attività commerciale?

Se la risposta è si, sei nel posto giusto!

In questo articolo scopriremo insieme tutti i segreti per realizzare al meglio il frappè, la bevanda dolce più amata dagli italiani nel periodo estivo. Inoltre approfondiremo l’argomento dei frullatori per frappè, scoprendo come scegliere il migliore.

Frappè come in gelateria: come si prepara?

Per preparare il frappè come in gelateria è necessario puntare su due elementi:

  • Qualità degli ingredienti impiegati nella realizzazione;
  • Tipologia di macchinario per frappè utilizzato;

Il frappè della gelateria è una bevanda fresca e nutriente, realizzata a partire dal gelato. Rispetto ai classici frappè realizzati con latte e frutta, l’utilizzo del gelato arricchisce il gusto della bevanda stessa e la rende decisamente più nutriente. Esistono davvero moltissime ricette per realizzare il frappè con il gelato, proprio come testimonia il blog di GialloZafferano.

Per realizzare un frappè come in gelateria, è fondamentale utilizzare contemporaneamente frutta fresca, gelato, latte e panna montata. Dall’unione di tutti questi ingredienti deriva una bevanda ricca e cremosa, dal sapore molto intenso e zuccherino.

E’ fondamentale scegliere della frutta fresca per realizzare il frappè proprio perché se si utilizzassero confetture, frutta in lattina o aromi artificiali, il gusto non risulterebbe ugualmente piacevole. E’ sempre bene utilizzare della frutta matura e di stagione, decisamente più saporita.

Per quel che concerne la scelta del gelato, è meglio optare per il gelato artigianale che renderà il frappè più cremoso e morbido. Il gelato in vaschetta infatti contiene emulsionanti e conservanti che oltre a peggiorare qualitativamente il frappè, rischiano di rendere la crema poco omogenea.

Variando gli ingredienti e utilizzando un latte e un gelato a base vegetale abbinati ad una panna di soia, sarà possibile realizzare anche dei frappè vegani. La cosa importante in questo caso è non utilizzare lo stesso frullatore dedicato alla lavorazione del frappè classico, per evitare contaminazioni pericolose per chi è allergico alle proteine del latte.

Frullatori per frappè: guida alla scelta

Per realizzare un frappè come in gelateria è necessario dotarsi di un frullatore per frappè, acquistandolo da un sito dedicato alla vendita di articoli per la ristorazione come TopRistorazione.com.

I frullatori per frappè professionali sono macchinari dotati di bicchieri molto capienti e motori potenti in grado di emulsionare al meglio tutti gli ingredienti.

Esistono frullatori per frappè da banco e da parete, in base alle necessità di produzione. I frullatori da parete sono generalmente consigliati per i locali di piccole dimensioni, dov’è necessario concentrare in poco spazio tanti diversi macchinari per la ristorazione. I macchinari da banco invece sono ideali per tutti quei locali (gelaterie, bar, pub e locali) che necessitano di una produzione continua con la praticità di un macchinario dal bicchiere estraibile e dall’elevata potenza.

I frullatori per frappè di dimensioni più ridotte (con bicchieri in policarbonato dalla capacità di 0,55 litri) e potenza inferiore sono adatti anche all’uso casalingo per tutti coloro che sono alla ricerca di un frullatore efficiente per realizzare ottimi smoothies, frullati e frappè.

Nella scelta del proprio frullatore per frappè ideale, è sempre bene considerare i seguenti elementi:

  • Capienza del bicchiere di raccolta, direttamente proporzionata alle necessità d’uso dello strumento. Esistono macchinari con più bicchieri di raccolta (2 o 3) che possono essere impiegati per soddisfare elevati volumi di produzione oraria di frappè, smoothies, frullati, sorbetti;
  • Tipologia e qualità dei materiali utilizzati per la produzione del frullatore, prediligendo i modelli costituiti da una struttura esterna in acciaio inox ed una struttura interna in alluminio;
  • Potenza del motore, che agirà direttamente sulla velocità dello strumento e sulla sua capacità di frullare in modo omogeneo anche la frutta con la buccia più resistente (come la mela).