Irritazioni vaginali

Irritazioni vaginali

Che cos’è la vulva?

Vulva è il nome generale dato ai genitali esterni femminili.

La vulva comprende:

  • il monte di venere, un cuscinetto di tessuto adiposo ricoperto di peli pubici,
  • le grandi labbra, anch’esse ricoperte di peli pubici,
  • le piccole labbra, prive di peli,
  • il clitoride, posizionato nella parte anteriore dell’area genitale,
  • il meato uretrale – con funzione urinaria,
  • apertura vaginale – con funzione riproduttiva,
  • perineo, l’area di pelle tra vagina e ano.

Tipicità della vulva

La vulva di ogni donna è unica per dimensioni, colore e aspetto. È anche normale che ci siano differenze evidenti tra il lato destro e quello sinistro della vulva, soprattutto per quanto riguarda le piccole labbra. Le vulve variano anche per dimensioni, forma e lunghezza. Tutte queste differenze e variazioni sono normali.

Poiché è difficile per le donne vedere la propria vulva, molte donne non sanno che aspetto abbia la loro vulva. Inoltre, non sono sicure che la loro vulva abbia un aspetto “normale”. Se non conoscete l’aspetto della vostra vulva, utilizzate uno specchio in modo da potervi guardare e familiarizzare con la vostra normalità. In questo modo sarà più facile individuare eventuali cambiamenti nell’aspetto, come variazioni di colore, protuberanze, ispessimento o assottigliamento della pelle o pelle secca e screpolata.

Quali sono le irritazioni vaginali

La pelle della vulva è estremamente delicata e quindi vulnerabile a un’ampia gamma di condizioni.

Qualsiasi prurito, bruciore o fastidio della vulva è spesso descritto come irritazione vulvare, che è relativamente comune nelle donne di tutte le età. Può essere interessata una piccola parte della vulva, o talvolta l’intera vulva.

I segni e i sintomi da osservare sono

  • bruciore e/o prurito,
  • sensazione di formicolio sotto la pelle,
  • arrossamento e/o gonfiore; puoi leggere questo approfondimento per i brufoli vaginali.
  • fastidio e/o perdite vaginali associate,
  • screpolature o spaccature della pelle (fissurazioni),
  • sbiancamento della pelle (leucoplachia),
  • rapporti sessuali dolorosi (dispareunia),

La maggior parte dei casi di irritazione vulvare non è grave e migliora con il trattamento adeguato. Tuttavia, esistono alcune condizioni rare che possono diventare gravi se non trattate. È importante scoprire la causa dell’irritazione vulvare e farla trattare rapidamente dal proprio medico di fiducia o dal ginecologo. Se viene ignorata, l’irritazione può diventare una fonte di maggiore disagio e preoccupazione.

Cause dell’irritazione vulvare

L’irritazione vulvare può essere causata da molti fattori, tra cui:

  • uno squilibrio dei batteri e dei microrganismi che vivono naturalmente all’interno della vagina (il cosiddetto microbiota vaginale),
  • sudorazione e/o perdite dalla vagina
  • infezioni fungine, batteriche o virali come:

1) candidiasi/”mughetto” – un’infezione da funghi e lieviti della vulva e della vagina. I sintomi comprendono prurito, arrossamento, gonfiore e perdite vaginali simili a quelle della ricotta.

2) tricomoniasi – infezione sessualmente trasmissibile (IST). I sintomi più comuni sono prurito e perdite verdi maleodoranti e schiumose. I rapporti sessuali possono essere dolorosi.

3) vaginosi batterica – infezione batterica della vagina che si verifica quando il suo normale equilibrio di batteri si altera. I sintomi principali sono perdite sottili, grigie o bianche e un forte odore di pesce, soprattutto dopo i rapporti sessuali. Qui si può leggere un importante studio sulle vaginiti è stato condotto dal dott. Barry L. Hainer.

  • herpes genitale – un virus che si diffonde attraverso il contatto pelle-pelle durante il sesso vaginale, orale o anale. I sintomi possono includere ulcere dolorose, vesciche, eruzioni cutanee, sintomi influenzali, perdite vaginali e difficoltà a urinare. Quando è recidivo, spesso è meno grave, e si manifesta nella stessa zona. Le zone colpite possono essere la vulva, l’interno cosce, i glutei e la pelle intorno all’ano. I sintomi possono essere gestiti, ma l’herpes genitale non sempre causa sintomi e quindi può passare inosservato per molto tempo.
  • Allergie/reazioni avverse a prodotti, quali:
  • prodotti profumati come gli spray per l’igiene femminile,
  • assorbenti igienici e tamponi,
  • indumenti stretti e/o sintetici, collant o calze, perizomi,
  • cloro o costumi da bagno bagnati e sabbiosi lasciati addosso,
  • sudore e altri fluidi corporei,
  • saponi, prodotti per il bagno e per i capelli,
  • detersivi per il bucato,
  • prodotti per la depilazione e lo sbiancamento,
  • preservativi, spermicidi e lubrificanti (è possibile acquistare preservativi non in lattice e lubrificanti a base di altri ingredienti per evitare allergie),
  • carta igienica o salviette profumate o colorate,
  • lavande vaginali, alterano il microbiota vaginale.
  • Alcuni farmaci e anestetici locali
  • piercing: possono causare infezioni o reazioni localizzate
  • peli incarniti – comuni dopo la depilazione. Se siete inclini a soffrire di peli incarniti, una leggera spugna sulla zona può essere d’aiuto.
  • Cisti delle ghiandole di Bartolini – queste ghiandole si trovano su entrambi i lati della parte inferiore dell’apertura vaginale, verso il perineo, e producono liquido lubrificante durante i rapporti sessuali. Una ghiandola può ostruirsi, causando lo sviluppo di una cisti o di un ascesso, con conseguente disagio o dolore.
  • Cambiamenti ormonali – come la vagina, la  pelle della vulva può diventare più sottile, più secca o più sensibile a causa dei cambiamenti ormonali nel corpo della donna,; questo accade  ad esempio dopo il parto, durante l’allattamento o dopo la menopausa
  • condizioni della pelle come dermatite/eczema – questa comune condizione della pelle può manifestarsi in qualsiasi parte del corpo, compresa la vulva. Grattarsi per alleviare il prurito può causare ulteriori danni alla pelle. Queste manifestazioni possono essere una risposta ai prodotti sopra elencati.
  • lichen sclerosus – una condizione infiammatoria autoimmune della pelle che può causare prurito. La pelle può diventare sottile, bianca, rugosa e screpolata. Spesso viene erroneamente diagnosticato come mughetto. Se non trattato, il lichen sclerosus può portare a cicatrici con alterazioni sia della vulva che dell’ingresso vaginale e, in un piccolo numero di casi, al cancro della vulva.
  • psoriasi – una malattia infiammatoria autoimmune della pelle che può colpire la pelle vulvare, causando chiazze arrossate. Il grattamento può provocare ulteriori danni alla pelle.
  • Il cancro vulvare è poco comune, meno dell’1% di tutti i nuovi tumori femminili diagnosticati. A volte il cancro vulvare può essere collegato alla presenza di un prurito persistente, di una pelle ruvida, di una ferita che non guarisce o di un nodulo.

Quando contattare un medico / ginecologo

Molte irritazioni guariscono da sole in quanto il canale vaginale ha anche una funzione auto pulente che permette di mantenere in salute anche la vulva. Tuttavia se dolore, fastidi, prurito, perdite o alterazioni dell’epidermide vulvare dovessero persistere per oltre 10 giorni è consigliabile rivolgersi al proprio medico di fiducia o contattare un ginecologo.