Lavoro e arredamento

Lavoro e arredamento

Arredamento e lavoro è un binomio che, se bene assortito, può aiutare il lavoratore a concentrarsi e, di conseguenza, rendere di più. In questo articolo trattiamo l’argomento arredamento e come organizzarlo al meglio per vivere l’ambiente circostante più serenamente. Sarà un viaggio sulla gestione ed organizzazione degli spazi.

Lavorare serenamente in un ambiente pulito e lineare

Come accennato, l’ambiente di lavoro influisce molto sulla resa del dipendente, ritrovarsi in un ampio spazio con una piccola scrivania ed un rumore costante intorno, dopo un certo periodo di tempo, anche la persona più equilibrata rischia di stressarsi. Ad avvalorare ciò ci sono studi statistici che dimostrano che un ambiente di lavoro ordinato, pulito e tranquillo aumenta dal 20% al 40% la produttività.

Oppure, al contrario, aziende in cui si lavora in team, spesso anche in più progetti contemporaneamente, è necessario avere un ambiente di lavoro grande, organizzato e privo di distrazioni.

A partire dalla scrivania, si può agire prestando attenzione alla grandezza, non deve essere troppo piccola, con elementi essenziali allo svolgimento del lavoro. La luce deve essere adeguata, l’uso di troppa luce artificiale può scatenare fastidi come mal di testa e fastidio agli occhi. Il computer posizionato all’estremità della scrivania per godere di maggiore spazio.

A tal proposito possono venire in aiuto le pareti mobili. Installare una parete mobile che, non solo permette di mantenere l’ambiente lavorativo tranquillo, più silenzioso, ma permette anche di avere la propria privacy. Per questo, grandi aziende attente al proprio lavoratore, scelgono di curare l’ambiente rendendolo più confortevole.

Cosa sono le pareti mobili? Di che materiali sono fatte?

Le pareti mobili sono delle vere e proprie pareti che possono essere spostate e montate in posizioni diverse in base all’esigenza. Per quanto riguarda i materiali, le pareti, sono costruite con pannelli di legno truciolato ed impiallacciati ovvero si intende l’inserimento di un pannello sottilissimo di legno.

Questa formulazione è pensata per rendere le pareti leggere ma al tempo stesso resistenti, sicure e anche insonorizzanti. Si pensi al fatto che è possibile attaccare a queste pareti mobili delle mensole.
Inoltre troviamo pareti realizzate in nobilitato a cristalli temperati, utili per proteggere la propria privacy. Oppure possono essere rivestite in metallo, dando così un aspetto elegante e professionale.
Sul sito www.paretimobilirho.it si trovano molte informazioni riguardanti i materiali e l’uso delle diverse tipologie di pareti.

Modelli e funzionalità delle pareti mobili

Come visto nel paragrafo precedente, le pareti mobili hanno una grande funzionalità riguardante il luogo di lavoro, in particolare nelle aziende dove è necessario avere una serie di sezioni separate come, ad esempio, laboratori, uffici tecnici, stanze per riunioni etc..
Conosciamo meglio le pareti mobili e la funzionalità di ogni modello.

Pareti mobili vetrate. Sono strutturate per dare ampiezza e luminosità alla stanza.
Pareti mobili direzionali. Sono utilizzati per creare spazi eleganti e sono adatte per sale riunioni ed uffici.

Pareti mobili operative. Sono nate per creare uffici in modo rapido a seconda dell’esigenza. Sono meno eleganti, ma sicuramente hanno un’ottima funzionalità.
Pareti mobili attrezzate. Sono elementi divisori corredati di ripiani, contenitori e tutto il necessario per l’ufficio.

Pareti mobili manovrabili. Sono utili per dividere rapidamente l’ambiente in cui ci si trova. Si può scegliere se installare una parete in truciolato nobilitato, che rende la stanza più isolata ì, oppure scegliere una formula molto più elegante e fine in vetro.

Pareti mobili per cleanroom. Questa soluzione viene impiegata per costruire strutture a camera bianca, nelle quali è possibile eliminare la presenza di qualsiasi elemento contaminante esterno.

In sostanza, curare l’ambiente di lavoro, permette di avere un dipendente più sereno, più tranquillo riguardo allo svolgimento del lavoro e, ultimo ma non meno importante, si è più produttivi e focalizzati.