Serratura per porta blindata: quanti tipi ne esistono e come scegliere il migliore

Serratura per porta blindata: quanti tipi ne esistono e come scegliere il migliore

Le porte blindate sono quanto mai indispensabili per la tutela e salvaguardia della propria proprietà.

Definite anche porta pedonale resistente all’effrazione questa tipologia di installazione ha come scopo principale quello di tutelare la persona, e di scongiurare qualsivoglia intento di scasso. Tuttavia, oltre a scegliere un’adeguata porta blindata, è anche necessario scegliere la serratura più consona da installare all’interno di esse. In commercio esistono diversi tipi di serrature, ciascuna di esse con delle caratteristiche proprie e con delle singole peculiarità.

In maniera preliminare, però, è bene fare una distinzione tecnica tra la serratura e il cilindro, al fine di capire quali siano effettivamente le funzionalità di questi due componenti meccanici.

Il cilindro ha come scopo principale, sostanzialmente, quello di accogliere la chiave al suo interno e, se la chiave in questa è quella giusta, permettere la rotazione della chiave al meccanismo della serratura.

La serratura, invece, è la componente meccanica più voluminosa: contiene al suo interno il catenaccio e lo scrocco. Qualora la chiave inserita all’interno non sia quella giusta, la serratura impedirà l’apertura della porta in questione.

Serrature per porte blindate: quanti tipi esistono?

Dalle soluzioni più artigianali a quelle di ultima tecnologia: il commercio di serrature per porte blindate ha subìto un vero e proprio processo di modernizzazione, coniugando in maniera impeccabile tradizione e tecnologia .

Serratura a doppia mappa

Serratura a doppia mappa: un must nel suo genere, tra le opzioni più frequenti e più soggetta a scelte. La serratura a doppia mappa rappresenta la scelta più gettonata: costituita da un blocco unico composto sia dal cilindro che dalla serratura, questa opzione rientra tra le più classiche presenti sul mercato; tuttavia, grazie all’innovazione tecnologica, questa serratura al giorno d’oggi è progettata per resistere ai tentativi di effrazione più disparati, tra cui l’impiego del cosiddetto grimaldello bulgaro. Difatti, l’utilizzo di questa metodologia consiste nel ricreare il profilo di una chiave, senza quindi dover smontare l’intero blocco composto da cilindro e serratura. Il funzionamento consiste nella sovrapposizione di alcune lamelle, con al centro un foro che segue la forma della chiave; una volta estratta, impedisce il movimento del perno. Introdotte per la prima volta negli anni novanta, con il tempo sono state ampiamente rimpiazzate da soluzioni più tecnologiche, come le serrature a cilindro europeo . Nonostante quindi l’ampia diffusione sul mercato, oggi non sono tra le più richieste sul mercato.

Serratura a Cilindro Europeo

Serratura a Cilindro Europeo: altra tipologia di serratura che segue un funzionamento del tutto differente da quello a doppia mappa: questa opzione, a prova di duplicazione, effrazione e altri tentativi di manomissione, presenta una serie di differenze sostanziali rispetto a quella a doppia mappa. Una delle quali è sicuramente il fatto che tale serratura sia costituita da due blocchi separati; serratura e cilindro, dunque, non sono accorpati come nel caso della doppia mappa, ma costituiscono due meccanismi a sè stante. Tuttavia, nonostante la serratura a cilindro sia un’opzione decisamente allettante, è necessario che questa risponda a requisiti qualitativi di un certo standard. Evitare dunque l’acquisto di materiali scadenti per un solo discorso di prezzo, prediligendo materiali di prima scelta e in acciaio inox. Questi piccoli accorgimenti scongiurano eventuali casi di bumping, ossia attraverso l’utilizzo di una chiave sagomata, utilizzata con l’ausilio di un percussore come per esempio un martello. Grazie anche alla fessura per l’introduzione della chiave molto stretto, queste serrature sono annoverate tra le più sicure da installare.

Serrature con scanner biometrico

Serrature con scanner biometrico: questa opzione risulta essere tra le più innovative in fatto di tecnologia. Tuttavia, ciò rende questa scelta anche tra le più esclusive e costose rispetto alle altre sopra elencate.

Il motivo?

Questa tipologia di serratura non prevede l’impiego di nessuna chiave. Alcune hanno a disposizione la possibilità di essere aperte tramite la digitazione di un Pin, altre invece, ancora più avanzate, hanno la possibilità di essere sbloccate attraverso il riconoscimento della retina del proprietario, avvicinando l’occhio allo scanner, consentendone così lo sblocco. E’ sicuramente un’opzione di altissima efficacia, ma richiede sicuramente una disponibilità economica non indifferente per la sua installazione. Serrature con installazione di un defender : grazie all’installazione di un apposito defender, è possibile proteggere direttamente il cilindro della serratura. Difatti, tale installazione, risulta essere a prova di trapano e di qualsiasi altro tentativo di forzatura ed effrazione. Consiste nell’applicazione di una borchia, generalmente in acciaio, all’interno della porta stessa, che funge quindi da protezione per il cilindro.

Utilissimo ricordare quelle opzioni con il meccanismo di blocco automatico che, qualora si riuscisse a rimuovere il blocco del cilindro , la porta si bloccherebbe automaticamente.

Serrature elettroniche

Serrature elettroniche: un altro passo avanti per la tecnologia. Grazie al sapiente utilizzo di schede elettroniche e altri componenti, queste serrature possono essere controllate a distanza grazie all’impiego del proprio smartphone, di apposite chiavi elettroniche oppure telecomandi predisposti. Insieme a quelle di tipo biometrico, le serrature elettroniche si guadagnano sicuramente una fetta di mercato non indifferente, grazie agli elevati standard di efficienza e sicurezza che questa opzione offre.

Chiaramente le opzioni sopra indicate hanno una fascia di prezzi che va dalla più economica alla più costosa. Infatti è possibile sia prediligere opzioni economiche che si aggirano intorno ai venti/trenta euro, sia farsi consigliare da un professionista per l’acquisto di opzioni più costose. alcune delle quali si aggirano anche intorno agli ottocento euro.

Da mettere in conto anche la manodopera necessaria per l’installazione, il cui prezzo varia a seconda del professionista scelto per questa tipologia di operazione. Le tempistiche? Dipende da molti fattori, ma in generale l’installazione del solo cilindro può richiedere un minimo di cinque minuti fino ad un massimo di venticinque. Se si vuole installare invece tutta la porta blindata , possono essere necessarie mediamente dalle due alle quattro ore complessive.

In definitiva l’installazione di una porta blindata con la sua relativa serratura, si rivela essere sicuramente un’opzione imprescindibile per tutte quelle persone che abbiano a cuore la sicurezza della propria casa, e la salvaguardia della propria famiglia. Che sia per una cena fuori, per una passeggiata mattutina, o addirittura per un finesettimana al mare, lontano dal caos della città, è indispensabile mettere innanzitutto in sicurezza la propria casa. Grazie anche alla possibilità di richiedere una serie di preventivi in maniera preliminare, la possibilità di installare una porta blindata con la sua relativa serratura, attirerà sicuramente un vasto ventaglio di persone. Come sopraindicato, le soluzioni economiche sono le più disparate, consentendo così un’ampia possibilità di scelta che tiene conto di tutte le circostanze economiche. La sicurezza della propria casa, dunque, non è più solo un lusso di pochi; al contrario, le serrature in commercio aiutano a soddisfare la clientela più vasta, senza tuttavia rinunciare a degli standard indispensabili come la sicurezza e la qualità del prodotto.